Progetti Finanziati

Home | Innovazione | Progetti Finanziati

Optit contribuisce a progetti di ricerca finanziati a livello regionale, nazionale ed europeo, per esempio nell’ambito di Horizon 2020, il Programma Quadro europeo per la Ricerca e l’Innovazione.

Coordination and support action inserita nello schema dei progetti Horizon 2020. L’azione, avviata a maggio 2018 con durata 36 mesi, è finalizzata all’identificazione e al consolidamento di approcci scalabili, per il miglioramento di sistemi di teleriscaldamento inefficienti. Diversi i Paesi europei coinvolti, tra cui Lituania, Polonia, Croazia, Bosnia Herzegovina, Olanda, Italia e Danimarca. Leader del work package 4 sull’analisi e qualificazione delle retrofitting actions nei siti dimostrativi, Optit mette a disposizione dei partner le proprie competenze nel campo del teleriscaldamento. Un contributo tangibile, con dimostrazione delle soluzioni, per l’ottimizzazione della produzione di calore e lo sviluppo ottimizzato di reti di teleriscaldamento.

Questo progetto ha ricevuto fondi dal programma di ricerca ed innovazione dell’Unione Europea Horizon 2020, convenzione di sovvenzione n. 785014.

Logo PLAMES

Research & Innovation Action inserita nello schema dei progetti H2020. Il progetto, in partenza a novembre 2019 con durata 36 mesi, mira a realizzare la pianificazione integrata di sistemi multienergia. Insieme all’Università di Aachen, il Fraunhofer Institute, l’Università di Bologna e OEDAS, azienda utility della città turca di Eskişehir, Optit si appresta ad affrontare questa sfida creando un modello e tool atti a generare scenari ottimizzati di evoluzione dei sistemi di generazione, trasmissione, distribuzione e stoccaggio, che integrino energia elettrica, termica, gas e mobilità su larga scala.

Questo progetto ha ricevuto fondi dal programma di ricerca ed innovazione dell’Unione Europea Horizon 2020, convenzione di sovvenzione n. 863922.

Innovation Action inserita nello schema dei progetti H2020. In partenza a novembre 2019 con durata 42 mesi, il progetto sfrutterà l’innovativa tecnica dei Digital Twins per sviluppare strumenti e modelli atti a favorire il retrofitting di impianti in diverse industrie (ceramica, alluminio, acciaio, cemento e agrochimica), in ottica di decarbonizzazione. All’interno di un ampio network pan-europeo, Optit si occuperà di sviluppare lo strumento a supporto dell’attività di decision making.

Maggiori informazioni: Retrofeed Kick Off

Questo progetto ha ricevuto fondi dal programma di ricerca ed innovazione dell’Unione Europea Horizon 2020, convenzione di sovvenzione n. 869939.

Adozione di tecnologie, know how e strumenti finalizzati allo sviluppo di nuova piattaforma innovativa

Il progetto ha riguardato la realizzazione di un nuovo ciclo di investimenti di Optit, attraverso l’acquisto di know-how, licenze e servizi cloud per migliorare ulteriormente la dotazione tecnologica dell’azienda.

Obiettivi

Innovazione dei servizi attraverso l’integrazione di tool e strumenti di ultima generazione, con un miglioramento delle soluzioni che Optit porta sul mercato e la realizzazione di una nuova piattaforma avanzata.
Inoltre, in termini di innovazione di processo, sono stati acquisiti un mix di servizi e strumenti di miglioramento e consolidamento dei processi di sviluppo applicativo e gestione del cliente.

Risultati

I risultati ottenuti dal progetto sono una maggiore crescita aziendale, con impatti sull’occupazione strutturale di Optit (passando da 17 a 28 tempi indeterminati), e un effetto indotto sulle aziende clienti sul fronte ambientale (riduzione utilizzo energia, emissioni, inquinamento, rifiuti) attraverso l’ottimizzazione delle filiere logistiche (incl. quella del rifiuto).

Il progetto è stato cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale nell’ambito del Bando per il sostegno degli investimenti produttivi- Azione 3.1.1 del POR FESR 2014/2020.

Co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, in attuazione al POR-FESR 2014-2020 e concluso nel 2019, il progetto si focalizza sulla riduzione di consumi energetici, emissioni di CO2 e relativi costi. Obiettivi da raggiungere sfruttando le informazioni rese disponibili dai moderni sistemi di monitoraggio e utilizzando avanzati algoritmi di ottimizzazione ed intelligenza artificiale.

Optit, come partner industriale, ha contribuito allo studio di piattaforme per l’ottimizzazione del progetto stesso, della gestione, e del controllo di sistemi e di reti energetiche intelligenti (sia convenzionali, sia integrate con fonti rinnovabili), a servizio di distretti urbani.

L’accoppiamento energetico, ovvero l’integrazione di diverse fonti di energia (elettricità, combustibile, mobilità, riscaldamento e raffreddamento), svolgerà un ruolo chiave nel delineare il futuro del settore energetico.

L’obiettivo è creare un futuro sostenibile, socialmente ed economicamente, riducendo le emissioni di gas a effetto serra e migliorando l’efficienza energetica.
Il ruolo dei sistemi energetici distrettuali (DE) sarà sempre più importante nei prossimi anni, tenuto conto del maggiore livello di flessibilità, resilienza e disponibilità richiesto dalle infrastrutture energetiche locali, regionali e nazionali (ad es. mobilità elettrica, prosumer, stoccaggio, ecc.).

Energyinius, progetto finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, definirà linee guida per delineare i mercati energetici e l’energia distrettuale del futuro, sviluppando modelli matematici, SW e HW per la simulazione di reti multienergia in tempo reale. Optit sosterrà lo sviluppo di questi sistemi capitalizzando il proprio know-how nella progettazione di soluzioni digitali per la risoluzione di problemi complessi.

Vuoi ottimizzare i processi della tua azienda per essere più efficiente e sostenibile ? Contattaci !

X